Quello che segue è il testo relativo al Codice di Etica Professionale dell'AICE, approvato dal Consiglio Direttivo in base alla delega ricevuta dall'Assemblea Straordinaria in data 22 gennaio 2008. Si tratta di un documento fondamentale che deve essere riconosciuto e rispettato soprattutto da coloro che sono titolari di un brevetto di certificazione.

Il rispetto e la tutela del Codice di Etica Professionale da parte di tutti coloro che operano in questo settore è un importante veicolo di promozione dell'Ingegneria Economica.

Codice di Etica Professionale dell’Associazione Italiana di Ingegneria Economica
approvato dal Consiglio Direttivo in base alla delega ricevuta dall’Assemblea Straordinaria del 22 gennaio 2008

  1. Documenti di riferimento:
    • canoni di etica professionale dei professionisti nel settore delle grandi commesse di costruzione, allegato all’atto costitutivo dell’AICE giusta atto notar Domenico Acquarone del 23 aprile 1979;
    • ICEC Canons of Ethics for Cost Engineers, Quantity Surveyors, and Project Managers (Adopted by the ICEC Executive, 21 July 2000).
  2. Applicabilità: il presente codice di etica professionale si applica a tutti i membri, a qualsiasi titolo, dell’Associazione Italiana di Ingegneria Economica ed in particolare ai membri certificati come Esperto o Praticante in Ingegneria Economica, di seguito definiti tutti indistintamente come “professionisti”, limitatamente all’attività professionale.
  3. Criteri fondamentali:
    • il professionista deve essere aggiornato negli sviluppi delle discipline facenti parte dell’Ingegneria Economica o comunque ad esse correlate, per essere in grado di garantire prestazioni professionali ad elevato livello e comunque conformi ai criteri di riferimento o di pratica professionale richiesti; egli deve comunque sforzarsi per incrementare la competenza ed il prestigio della professione;
    • il professionista opererà con equità, imparzialità ed onestà nel rispetto dell’etica professionale e della legislazione applicabile;
    • il professionista presterà solo servizi nella propria area di competenza;
    • il professionista userà la sua conoscenza e la sua competenza per il benessere dell’umanità;
    • eventuali dichiarazioni pubbliche saranno fatte in maniera obiettiva e veritiera.
  4. Il professionista è legato all’obbligo di fedeltà e, se previsto, di riservatezza, nei confronti del proprio committente. Tuttavia, tale obbligo è limitato dal rispetto della legislazione vigente, dei criteri generali di etica professionale e del presente codice; qualora sorgano incompatibilità fra l’obbligo di fedeltà ed il rispetto dell’etica professionale, il professionista è tenuto ad informarne anzitutto il proprio committente e, se del caso, a declinare l’incarico, fatti salvi eventuali diversi obblighi previsti dalla legge.
  5. In caso di rinuncia ad un incarico per l’incompatibilità di cui sopra, permangono gli obblighi di riservatezza fatti salvi eventuali diversi obblighi previsti dalla legge.
  6. Relazioni con il pubblico:
    • il professionista deve sforzarsi promuovere il prestigio della professione;
    • deve avere particolare riguardo per la sicurezza, salute e benessere del pubblico nell’espletamento dei suoi impegni professionali;
    • deve adoperarsi nell’estendere e far apprezzare al pubblico l’ingegneria economica e le sue conquiste, dovrà combattere anche qualsiasi affermazione falsa, infondata oppure esagerata riguardante l’ingegneria economica;
    • deve essere dignitoso e modesto nello spiegare il suo lavoro ed il suo merito, terrà sempre alto l’onore e la dignità della sua professione, si asterrà dal fare pubblicità per lodarsi;
    • esprimerà opinione su argomenti che riguardano l’ingegneria soltanto quando fondata su una adeguata conoscenza ed onesto convincimento;
    • premetterà ad ogni affermazione di parte, critica o argomento che enuncerà una chiara indicazione della persona per conto della quale è fatta.
  7. Relazioni con Datori di Lavoro e Clienti:
    • il professionista agirà nella professione come un fedele agente o fiduciario per ogni datore di lavoro o cliente;
    • agirà equamente e con giustizia tra le varie parti interessate, pur tutelando gli interessi del suo datore di lavoro o cliente e non accetterà in nessun caso commissioni o abbuoni, sia diretti che indiretti;
    • informerà il suo datore di lavoro oppure il suo cliente se egli è finanziariamente interessato presso qualsiasi venditore o appaltatore, oppure in qualsiasi invenzione, macchina o impianto per il quale egli è coinvolto in un progetto di lavoro del suo datore di lavoro o del suo cliente; egli non permetterà che questo interesse abbia influenza sulle sue decisioni riguardanti prestazioni professionali che egli può essere chiamato ad effettuare;
    • indicherà al suo datore di lavoro ed al suo cliente le dannose conseguenze alle quali andrebbe incontro se si passasse sopra al suo giudizio;
    • assumerà soltanto quegli incarichi per i quali egli è qualificato; egli avvertirà il suo datore di lavoro o il suo cliente della necessità di assumere specialisti e collaborerà con loro se gli interessi del suo datore di lavoro oppure del suo cliente saranno meglio salvaguardati;
    • non svelerà informazioni riguardanti gli affari oppure procedimenti tecnici di nessun cliente o datore di lavoro presente o passato senza il suo consenso;
    • non accetterà compensi – finanziari o di altro tipo – da più di una parte per lo stesso servizio, o per altri servizi riguardanti lo stesso lavoro, senza il consenso di tutte le parti interessate.
  8. Relazioni con i colleghi:
    • il professionista si preoccuperà affinché venga riconosciuto il lavoro a coloro i quali è dovuto il riconoscimento;
    • fornirà informazioni complete sulle condizioni di lavoro e sul suo rapporto di impiego ad un aspirante impiegato ingegnere, e dopo l’assunzione lo terrà informato di ogni cambiamento di tali condizioni;
    • manterrà il principio di compensazione appropriata e adeguata per coloro che operano un lavoro di ingegneria economica, compresi coloro i quali hanno mansioni subordinate;
    • non nuocerà con malizia alla reputazione, alle prospettive, o all’attività professionale di un altro professionista; tuttavia, se ha le prove che un altro ingegnere non è stato etico, è stato illegale o ingiusto nella sua attività, dovrebbe avvertire in tal senso l’autorità competente a meno che non ritenga che da ciò possa derivare danno maggiore e fatti salvi gli obblighi previsti dalla legge;
    • coopererà all’avanzamento della professione scambiando informazioni ed esperienze con colleghi e studenti, e contribuendo ai mezzi di comunicazione pubblici, agli sforzi di società e scuole di ingegneria e scientifiche.

I prossimi eventi, corsi e seminari

C23: Struttura e controllo dei costi nelle imprese di costruzioni

01-06-2017

4 maggio 2017   1 giugno 2017 Il corso, strutturato in un modulo base ed un modulo avanzato, intende fornire una panoramica dei criteri e...

Read more

C06: La Qualità non costa!

13-06-2017

13 giugno 2017 “Fare le cose bene non aggiunge alcun costo alla produzione di beni e servizi. Al contrario, è non farle bene che...

Read more

C25: Preventivazione di un'opera di ingegneria e costruzione

16-06-2017

16 giugno 2017 Il corso intende fornire una panoramica dei criteri e dei metodi usati per la stesura dei preventivi nelle aziende di...

Read more

C16: Tecniche forensi di analisi dei ritardi (Forensic Delay Analysis)

30-09-2017

 da definire settembre 2017 Nella gestione delle dispute, la valutazione dei ritardi ricopre un ruolo particolare: spesso sono legati gli importi più...

Read more

C19: Strumenti finanziari per la copertura del credito

31-10-2017

da definire novembre 2017 Il Corso si propone di approfondire la conoscenza di quegli strumenti finanziari normalmente utilizzati nella contrattualistica, specialmente internazionale, per...

Read more

Giornata AICE 2017 - Call for papers

30-11-2017

30 novembre 2017 AICE organizza per il 30 novembre 2017, il consueto appuntamento annuale con la Giornata AICE dedicata all'incontro ed al confronto fra i...

Read more

TCMB02: Analisi, valutazione e gestione dei rischi di commessa (Risk Management)

30-11-2017

 da definire novembre 2017 Il corso offre un quadro generale sui processi e sulle tecniche di gestione dei rischi di progetto, dalle...

Read more

Privacy Policy

Abbiamo 89 visitatori e nessun utente online

Contatti

AICE
Associazione Italiana di Ingegneria Economica

P.le R. Morandi, 2
20121 MILANO
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel. +39 328 7725970